Lago di Ponte (Tredozio)

Vai ai contenuti

Lago di Ponte (Tredozio)

Giancarlo Bartolini Photography
Pubblicato da Giancarlo in Itinerari · 3 Marzo 2022
Tags: lagodiPonteforestecasentinesisentieronaturatrekkingTredozio

Mercoledì 02/03/22
Sentiero natura del Lago di Ponte - CAI 559-561 (Tredozio)

A pochi chilometri dal paese di Tredozio si trova il sentiero natura che si raggiunge  percorrendo la provinciale SP86 che diventa sterrata poco prima dell’ingresso nel Parco delle Foreste Casentinesi. Dopo un paio di chilometri giungiamo al rifugio Alpino Casa Ponte che in questo periodo dell’anno è ancora chiuso. Nei pressi del rifugio, ad un centinaio di metri circa, si trova il lago di Ponte e da qui parte il sentiero natura che si articola lungo l’alta Valle del Tramazzo.


 
Il Lago di Ponte è stato creato artificialmente nel 1962 e oggi risulta perfettamente integrato nel paesaggio naturale. Costeggiando parte del perimetro troviamo diversi tavoloni in legno per il picnic e poco più avanti un’area per le grigliate con un grande camino in muratura e tavoloni in pietra adiacenti.  Continuando lungo il sentiero si attraversa un piccolo torrente e si entra nell’anello del percorso natura che è di circa 3,5 chilometri, che ho percorso in senso antiorario. Giunto al bivio tengo la mia destra; ai lati del sentiero troviamo argini alberati coperti dalla neve, si sale per diverse centinaia di metri, il percorso è coperto in gran parte dalla neve a volte anche ghiacciata e scivolosa.



La prima parte è la più impegnativa, infatti si sale a gradoni per circa 30 minuti, poi il sentiero diventa più pianeggiante, si percorre la cresta delle montagne dove si possono ammirare la vallata e le alture ancora coperte in parte da neve. Lungo il percorso troviamo diverse tabelle informative sulla conoscenza del territorio e della morfologia. Si prosegue e come accennato il percorso ora è meno ripido; poco prima di arrivare ad un vecchio caseggiato rurale diroccato ho trovato un grosso albero che probabilmente dal peso della neve è caduto sul sentiero.



Per rimanere sul sentiero natura bisogna costeggiare e oltrepassare il caseggiato rurale. Inavvertitamente, io ho deviato a destra, sono salito per alcune centinaia di metri lungo un sentiero molto ghiacciato e scivoloso che mi ha portato ad una piccola vetta dove ho potuto ammirare la splendida veduta. Ho scattato alcune foto e fatto una breve pausa; solo a questo punto, visionando il GPS, mi sono accorto che non ero più sul sentiero natura ma probabilmente sul sentiero CAI 553. Naturalmente sono ridisceso lungo il scivoloso sentiero ghiacciato e ho ripreso il sentiero 559 costeggiando il vecchio caseggiato.



Ora si scende lentamente costeggiando il torrente (infatti si comincia a sentire il rumore dell’acqua). La vallata che si percorre è coperta dal bosco ma si vede molto bene la vallata opposta che crea una specie di imbuto. Poco dopo il rumore del torrente è più assordante e proseguendo si arriva alla piccola cascata. In questo punto, nella parte alta della cascata è possibile attraversare il torrente e proseguire il percorso.



Ora il sentiero lungo il sottobosco è più pianeggiante e si arriva agevolmente alla fine dell’anello del percorso natura. Il fragore delle acque del torrente non è più udibile e poco dopo giungiamo al nostro punto di arrivo e partenza del Lago di Ponte.

Link Utili



Ho portato con me:

La mia attrezzatura





0
recensioni
Torna ai contenuti